Chi chiuderà il divario nelle competenze intermedie?

Circa la metà delle nuove opportunità di lavoro tra il 2010 e il 2020 saranno collocate nelle posizioni richiedenti competenze intermedie in campi come la tecnologia dei computer, l’infermieristica e la produzione di alto livello. Queste posizioni richiedono un’istruzione secondaria e una formazione tecnica che sono di sempre più difficile reperimento. Con il calare delle risorse pubbliche per la formazione professionale, dicono gli autori, è urgente che le aziende assumano la leadership allo scopo di colmare il divario delle competenze intermedie.

Per farlo, occorrerà che i capi azienda lavorino a livello locale tra di loro, con le istituzioni educative e, in alcuni casi, con i sindacati. I modelli disponibili devono prevedere programmi di apprendistato, partnership tra aziende e sindacati, iniziative regionali settoriali e collaborazioni con consorzi di istruzione superiore che costruiscano solidi legami con le imprese.

Programmi di formazione realmente collaborativi richiedono che le aziende progettino e finanzino posti di lavoro per diplomati. Questo permette di integrare la formazione in aula con le opportunità di applicare le nuove competenze in ambienti di lavoro reali o virtuali. E avviano i diplomati verso un chiaro sentiero di carriera. Queste best practice, la cui leadership resta a carico delle imprese private, dovrebbero costituire la pietra angolare su cui costruire una strategia nazionale per la formazione al lavoro.

prezzo 5,00

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Temi più seguiti

Partner center